I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da questo sito.

Non categorizzato

Nuovo coronavirus - Indicazioni utili

Informazioni utili

Pieghevole con il decalogo messo a punto per informare correttamente i cittadini, dall’Istituto Superiore di Sanità (ISS) e dal Ministero della salute, con la collaborazione degli ordini professionali medici e delle principali società scientifiche e associazioni professionali, oltre che della Conferenza Stato Regioni. In dieci punti sono state riunite le principali indicazioni di prevenzione contro il nuovo coronavirus Sars-CoV-2 e le più frequenti fake news circolanti, puntualmente smentite.

Indicazioni dal Ministero dell'Istruzione.

Roma, 23 febbraio 2020 - Il Ministero dell'Istruzione informa che, in attesa dell'adozione formale dell'ordinanza prevista dal decreto approvato in Consiglio dei Ministri, per motivi precauzionali, i viaggi di istruzione vanno comunque sospesi a partire già da oggi domenica 23 febbraio 2020. Si ringraziano le scuole e i dirigenti scolastici per la collaborazione.

Registro trattamento dati

Registro trattamento dati

Una importante novità introdotta dal GDPR è costituita dal Registro delle attività di trattamento, strumento fondamentale per l'accountability del titolare. Nella sua struttura, delineata dall’art. 30 del Regolamento europeo, il Registro ricorda il vecchio Documento programmatico sulla sicurezza, obbligatoriamente prescritto dall’art. 34, lett. g), del D. Lgs. 196/2003 nel caso di trattamenti di dati personali effettuati con strumenti elettronici, adempimento che già il cd. “Decreto semplificazioni” (D. L. 5/2012) aveva abrogato. 

Per altro verso, il Registro sostituisce la notificazione del trattamento al Garante prevista dall’abrogato art. 37, invertendone però la logica ispiratrice (prior checking).

In passato il titolare che intendeva effettuare trattamenti che, per le relative modalità o per la natura dei dati personali trattati avrebbero potuto presentare rischi per gli interessati (cd. dati “super sensibili”, come ad esempio: quelli idonei a rivelare lo stato di salute o la vita sessuale trattati a fini di procreazione assistita, indagini epidemiologiche, ecc.; i dati genetici, e biometrici; quelli relativi alla geolocalizzazione; quelli trattati con strumenti elettronici per definire il profilo o la personalità dell’interessato o per analizzarne le abitudini o scelte di consumo; e così via), era infatti obbligato ad inviare una preventiva notifica al Garante, salvo che non rientrasse in una delle categorie di soggetti esonerati in base ad un provvedimento generale della stessa Autorità di controllo.

Con il nuovo Regolamento europeo le verifiche da parte del Garante vengono invece svolte ex post – dopo che il titolare ha assunto, con approccio basato sul rischio, le sue autonome determinazioni in ordine al trattamento – proprio attraverso l’esame del Registro delle attività di trattamento che, a sua richiesta, deve essergli messo a disposizione. Il Registro è appunto un documento che ha necessariamente forma scritta e deve essere conservato anche in formato elettronico.